Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 2° Capitolo

Dite la verità, questa settimana, che sembrava lunga ed interminabile nell’attesa del venerdì e di un nuovo capitolo della Samy, in realtà, è volata, non è vero?

Chissà che combinerà il nostro “povero cucciolo” questa settimana, quali avvenimenti lo attenderanno dopo aver affogato i suoi dispiaceri amorosi tra le braccia di una bionda qualsiasi. Si sarà consolato come sperava?

Qualcosa mi dice di no, così, è il mio istinto che parla, ma potrebbero aspettarlo comunque al varco sorprese inaspettate in grado di distrarlo e regalargli nuovi desideri e fantasie 

TI TROVERO

Ma soprattutto, la sua strada si incrocerà quest’oggi con quella di una agguerrita guerriera?

Credo proprio che non vi resta che scorrere più giù ed iniziare a leggere per scoprirlo, mentre a me, non mi rimane che augurarvi buona giornata seguito, come sempre, dall’immancabile….

 Buona Lettura

 

P.S. Aaahhhhhhh, sappiate che quella povera donna della Sam deve ancora riprendersi per il dolce appellativo con cui abbiamo apostrofato una certa persona. Occhio perchè vuole ricoverarci tutte 

 Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-PLAYLIST-

PROLOGO – L’odore del sesso – Ligabue  – by Samy P.

Capitolo 1 – Kashmir – Led Zeppelin – by Helene

Capitolo 2 – Lady Marmalade – Christina Aguilera, Lil’ Kim, Mya, Pink – by Chiara

Capitolo 3 – Cold – Annie Lennox –  by Virna

Capitolo 4 – Straight to number one – Touch and go  –  by Veronica

Capitolo 5 – Do what U Want – Lady Gaga – by Lara

Capitolo 6 – I cento passi – Modena City Ramblers – by Samy P.

Capitolo 7  – High for this – Weeknd –  by Alessia

Capitolo 8 – Stronger – Kelly Clarkson –  by Lara

Capitolo 9 – Rolling in the deep – Adele –  by Samy P.

Capitolo 10 –  Caravita –  Articolo 31 – by Rosy C.

Capitolo 11 – Impossible – James Arthur  – by Federica

Capitolo 12 – Dancing  – Elisa – by Rosy P.

Capitolo 13  –  Love is a loosing game – Amy Winehouse – by Valentina

Capitolo 14 – I fought the law  –  The Clash – by Samy P.

Capitolo 15  – In the night  –  Weeknd – by Lara

Capitolo 16 – Torn –  Natalie Imbruglia  – by Samy P.

EPILOGO – I will remember – Toto –  by Claudia Le

LA PLAYLIST DEL RACCONTO E’ DISPONIBILE ANCHE SUL CANALE YOUTUBE E CONDIVISIBILE SUI SOCIAL ANDANDO QUI

-PERSONAGGI-

titroveròpersonaggi

ELENA GRECO, 35 ANNI

SALVATORE RIZZO (SALVO), 45 ANNI

BIANCA RIZZO, sorella di Salvo – 50 ANNI

ANTONINO RIZZO (NINU), fratello di Salvo – 37 ANNI

LEONARDO MESSINA (LEO), braccio destro di Salvo – 44 ANNI

FABIO LEONE, collega di Elena, 37 anni

Maresciallo TOMMASO ARENA, 57 ANNI

IMG_3136

-TI TROVERO’-

– #3 LIFE SECRETS SERIES – 

– 2° CAPITOLO – 

-Elena-

«Maledizione!» il maresciallo pianta una forte manata sulla sua scrivania, facendoci sobbalzare «Ma dove diavolo avete il cervello?»

Mi irrigidisco, alzo il mento verso l’alto e unisco le mani dietro la schiena. So che ha ragione, ma non potevamo aspettare…quando chiama Alfio ha tempo in quel momento e bisogna correre.

«Ha ragione, maresciallo, ma vede, noi…» Fabio cerca di giustificarsi come può, ma so che la colpa non è sua.

Lo fermo subito con un gesto, poi mi rivolgo io al maresciallo.

«La colpa è solo mia, mi creda. L’appuntato Leone si è trovato alle strette, non poteva fare altrimenti. È venuto con me solo per proteggermi.»

Lui mi guarda stringendo gli occhi, poi serra la mascella nervoso. Quando parla la sua voce sembra quasi un ruggito.

«Appuntato Greco, si ricorda quello che le avevo detto, vero? Che al primo sgarro da parte sua l’avrei fatta trasferire.»

Mi sento gelare. Spalanco gli occhi e lo guardo inorridita, non posso pensare di essere allontanata da tutto questo. Non adesso, che ho l’opportunità di catturarlo.

«Maresciallo, la prego…non lo faccia. Le prometto che non succederà più, d’ora in avanti rispetterò gli ordini e mi atterrò a quanto stabilito, lo giuro. È che il nostro informatore mi ha chiamato, non avevo molto tempo per decidere. Ho ritenuto opportuno cogliere la palla al balzo e ho chiamato subito il collega. Se fosse capitato qualcosa non eravamo in servizio, quindi…»

«Appunto.» la sua voce è durissima.

Si appoggia allo schienale della poltrona pensieroso e ci osserva entrambi.

«Allora, procediamo pure, ma al minimo sgarro da parte di entrambi… Siete fuori, mi sono spiegato? E subito dopo l’operazione passerà direttamente a Palermo.»

Annuiamo entrambi con foga, mentre io sento l’adrenalina scorrermi dentro le vene.

«Come pensava di procedere, Greco?»

«Il nostro informatore ci ha parlato di un locale, vicino al porto di Palermo, gestito da un certo Rosario. È sotto la loro protezione e lui è convinto che prima o poi Rizzo si recherà sul posto.»

«Quindi?»

«Quindi contavo di farmi assumere. Come ballerina.»

«È sicura di averne le capacità?» è dubbioso, ma io voglio convincerlo a tutti i costi. So che è l’unica possibilità che abbiamo.

«Assolutamente sì. Ho fatto danza classica da bambina e so cavarmela senza problemi su un palco. Intendo recarmi subito sul posto e fare domanda.»

«È un night, vero?» mi guarda stringendo gli occhi. So cosa vuole dirmi.

Annuisco, cercando di dimostrargli decisione e freddezza.

«Sa a cosa potrebbe andare incontro in un luogo del genere, vero? È consapevole di quello che potrebbero chiederle e di quello che potrebbe essere costretta a commettere, vero? Sa che…»

«Lo so, maresciallo.» lo interrompo io «Ma sono consapevole del fatto che dopo tanti anni abbiamo l’opportunità di arrestare Salvatore Rizzo e mi creda… sono disposta a fare qualsiasi cosa.»

Lui osserva entrambi a lungo, poi ci fa un segno di approvazione.

«Allora, facciamo in questo modo. Lei cercherà di farsi assumere e l’appuntato Leone si fingerà un cliente del locale e osserverà quello che avviene all’interno. Resta inteso che lui sarà dotato di microfoni. Su questo non transigo.»

«Certo, maresciallo.» Fabio annuisce risoluto.

Annuisco anch’io, facendo capire che eseguirò gli ordini.

«Potete andare, allora. Organizzatevi per iniziare l’operazione, lei Greco si rechi sul posto domani mattina e poi mi farà rapporto.»

Gli voltiamo le spalle e usciamo dal suo ufficio, ma una volta chiusa la porta sento Fabio che mi prende per un avambraccio e mi trascina in un angolo.

«Cazzo, Elena!» è inviperito, anche se cerca di controllarsi vedo chiaramente tutta la sua rabbia «Abbiamo quasi rischiato che trasferissero l’operazione, ti rendi conto? Lo so che erano tuo padre e tua madre, ma li amavamo tutti, cosa credi? Lui era un magistrato, era uno dei nostri… e il clan Rizzo lo ha ucciso! Ogni carabiniere in questa caserma lo vuole arrestare e tu cosa fai? Agisci di testa tua e per poco non ci fai sfumare tutto da sotto il naso!»

«So che hai ragione, Fabio…ti giuro che non farò più nulla che metta a rischio tutto quanto, ti prometto che obbedirò agli ordini. Non voglio che trasferiscano tutto a Palermo.»

Lui mi lascia il braccio, poi mi studia con attenzione.

«Lo spero.» mi intima. Poi la sua voce si fa più dolce «Come pensavi di muoverti? Hai già qualcosa in mente?»

«Oh, certo…» gli faccio un sorriso sornione «E ti assicuro che mi assumeranno, puoi scommetterci.»

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-Salvo-

«Si può sapere che avete combinato tu e Leo ieri sera?» la voce stridula di Bianca mi fa trasalire «Hai una faccia stamattina che sembra ti sia passato sopra un carro armato!»

Mugugno, mentre il cerchio alla testa non mi dà tregua. Quella puttana di ieri sera non aveva niente a che vedere con la mia Michelle… non sapeva affatto cosa fosse la sensualità e l’erotismo. Ero così deluso da me stesso per aver cercato l’amore della mia vita in una donna del genere che mi sono attaccato alla bottiglia di champagne, poi quando lei mi ha portato di sopra me la sono scopata con rabbia e dopo sono tornato a casa.

Il tutto è accaduto tre ore fa.

In effetti, forse ho esagerato.

«Avanti, prendi…» mia sorella mi passa un bicchiere d’acqua e due pastiglie di analgesico «A quarant’anni suonati mi tocca ancora curarti il post sbornia… sei incredibile.»

Senza replicare prendo le pastiglie e le butto giù con un sorso d’acqua, poi muovo il collo per sgranchire i muscoli.

«Certo che ridotto così non sei proprio un buon esempio per la famiglia. Guarda Ninu, invece. Stamattina presto si è alzato ed è già in giro con i ragazzi per controllare i nostri locali.»

Le rivolgo uno sguardo infastidito, poi mi massaggio le tempie che mi pulsano da impazzire.

Che stronza.

È la sorella maggiore e ha sempre avuto un debole per Ninu, il più piccolo. Non ha mai tollerato che io abbia preso il comando, avrebbe preferito che lo avesse preso lui, ritenendolo più adatto. Lui è già sposato, ha una famiglia con dei figli, mentre io a 45 anni non ho ancora concluso nulla in quel senso. Mia sorella e suo marito Domenico mi hanno sempre guardato dall’alto al basso disprezzando il mio stile di vita…in realtà credo che entrambi mi invidino alla grande.

Mi scappa un sorrisetto ironico a quel pensiero e mia sorella lo nota.

12835039_752115771591609_974887681_n

«Ridi pure, Salvo?» mi incenerisce con lo sguardo, piegandosi verso di me «Se continui così Ninu presto prenderà il comando e ti assicuro che io e Mimmo lo appoggeremo. È molto più responsabile di te, nonostante sia più giovane… e non sparisce come hai fatto tu, senza dare spiegazioni. Si può sapere dove sei stato la settimana scorsa?»

La guardo furente, so che si sta riferendo alla mia assenza dovuta all’operazione “Michelle e Nick”. Temo dentro di me che scopra qualcosa, quindi passo all’attacco.

«Ti ricordo, Bianca, che qui sono io che comando! E non provare a minacciarmi, né tu, né tuo marito, né Ninu. Perché come è vero iddio giuro che vi ammazzo tutti e tre.»

Lei sbianca in volto, poi mi guarda negli occhi a lungo.

«Cosa nascondi, Salvo?» un sorriso sadico le piega le labbra. Sa che l’ho attaccata per difendermi.

Cazzo…mi conosce troppo bene.

Mi alzo in piedi e avanzo verso di lei, facendola arretrare. Cammino sostenendo il suo sguardo, mentre lei con pochi piccoli passi si ritrova con le spalle al muro.

«Non osare interessarti della mia vita o di quello che faccio, non è affar tuo. E non osare ingaggiare una guerra interna, vi tengo d’occhio. Tutti e tre. So che avete i vostri uomini che vi appoggiano e so anche chi sono, te l’assicuro. So tutto.» uso un tono di voce freddo e calmo «Non. Osate. Tradirmi. La paghereste davvero cara.»

Detto questo, la lascio lì in cucina, prendo la giacca e mi avvio verso la porta, dirigendomi verso la mia auto parcheggiata in cortile.

Salgo a bordo, l’accendo e parto subito sgommando nella ghiaia. Una volta lontano dò una violenta manata sul volante, con rabbia.

Merda, Salvo! Che cazzo fai?

Sono un vero coglione, questa storia di Michelle e Nick mi sta facendo annebbiare il cervello.

Ho fatto una stronzata ieri sera, non dovrà accadere mai più. Devo mantenere il controllo o qui si mette male.

Ho i miei uomini e so davvero cosa stanno combinando quei traditori di mia sorella, mio cognato e mio fratello. Per ora ho tutto sotto controllo, ma la situazione non deve sfuggirmi di mano.

O dovrò farmi giustizia…ed eliminare dei componenti della mia famiglia non mi piace per niente.

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-Elena-

«Buongiorno…» cerco di richiamare l’attenzione del barista che sta sistemando alcune bottiglie sullo scaffale «Ho telefonato, devo fare un provino per un posto di ballerina.»

Lui si volta e mi guarda incuriosito, poi la bocca gli si piega da un lato, in un sorriso compiaciuto. Mi osserva da capo a piedi e mi fa notare in modo chiaro che mi apprezza.

E ti credo. Era proprio quello che volevo.

Ho indossato un paio di pantaloni neri in ecopelle ed un top senza spalline dello stesso colore e materiale, che mi lascia la pancia scoperta.

Ho lasciato morbidi e ribelli i miei capelli castani, i ricci mi sfiorano le spalle. Mi sono truccata in maniera piuttosto pesante, dando forte risalto ai miei occhi scuri con un trucco nero. Sulle labbra ho passato un rossetto rosso, piuttosto acceso.

Avanzo verso di lui con sicurezza sui miei tacchi a spillo, appoggio i gomiti sul bancone e mi sporgo in avanti, consapevole che in questa posizione faccio bella mostra dei mei seni pieni e sodi.

«Allora, tesoro?» inarco un sopracciglio, facendogli un broncio dispettoso «Il provino…a chi mi devo rivolgere…lo sai o devo pensare che tu sei qui solo per sciacquare i bicchieri?»

Lui mi guarda stupito, poi sfodera un sorriso bianchissimo e strafottente.

«Laggiù.» mi indica il palco con un cenno della testa «Sono seduti laggiù, hanno già esaminato diverse ragazze, oggi, ma è stata una tragedia. Credo che tu, però… possa fare al caso loro.»

«Io faccio al caso loro, credimi.» gli strizzo l’occhio e mi avvio verso le due persone sedute al buio.

Quando mi avvicino noto che si tratta di un uomo piuttosto attempato e una donna molto elegante e piuttosto giovane, con i lineamenti dell’Europa dell’Est. Ha uno sguardo severo e deciso, mi osserva da capo a piedi, come se mi stesse già esaminando.

«Buongiorno. Io sono Elena, ci siamo sentiti ieri sera al telefono…vorrei fare quel provino per il posto di ballerina.»

«Hai già avuto esperienza in locali come il nostro?» l’uomo mi osserva dubbioso.

«No, nessuna.» Noto che si guardano, poi la donna scuote la testa. La mia risposta non gli è piaciuta.

«Cosa sai fare?» di nuovo lui, sembra quasi scocciato.

«So ballare…e bene. Posso darvi subito una dimostrazione.»

«Hai già una coreografia tua? Hai portato la tua musica?» all’improvviso interviene la donna. Il suo accento straniero mi conferma che è dell’est, forse russa.

«No, ma posso improvvisare… Fatemi provare.»

Lei si muove infastidita sulla sedia, poi si sporge verso l’uomo e gli bisbiglia all’orecchio. Lui mi guarda con attenzione, poi si alza e mi porge la mano.

«Senti, tesoro. Oggi abbiamo esaminato diverse persone, tutte senza esperienza e senza una coreografia. Non è per essere prevenuti, ma ne abbiamo avuto abbastanza.»

Guardo la sua mano e poi lo scruto in viso, con un’espressione tagliente.

«Non ho nessuna intenzione di andarmene senza prima aver provato.» senza attendere la loro replica mi volto e mi dirigo a grandi falcate verso il palco.

Durante il tragitto prendo una sedia e la trascino con me sul palcoscenico. Vi salgo sopra, mettendomi a cavalcioni su di essa e dando loro la schiena. Senza guardarli volto appena il viso e gli parlo a voce alta, da sopra la mia spalla.

«La musica sceglietela voi… al resto penso io.» faccio un sorriso sensuale e riporto lo sguardo di fronte a me.

Dopo pochi minuti, appena sento le prime note, un brivido di eccitazione mi attraversa la schiena. Mi concentro e mi calo nella parte, iniziando a muovermi in maniera sensuale.

La canzone è “Lady Marmelade”, cantata da Christina Aguilera, Lil’ Kim, Mya e Pink. Sento il ritmo invadermi il sangue e scorrermi nelle vene… e la danza, la mia ragione di vita fino a qualche anno fa, esplode dentro di me.

Ballo in modo sensuale, scivolando sulla sedia ed esibendomi al meglio che posso. Lascio che la melodia mi trascini in una danza erotica, provocante e molto audace… sorrido, guardando i miei due spettatori – anzi, tre, dal momento che anche il barista ha smesso di sistemare le bottiglie e mi sta fissando inebetito – e invitandoli quasi a raggiungermi sul palco.

Mi strappo i pantaloni e il top con due gesti secchi, rimanendo in perizoma e reggiseno di pizzo nero, poi guardo in maniera interrogativa l’uomo e la donna davanti a me. Sono seri, attenti…e dopo pochi minuti lei mi fa un cenno con la testa.

Ho capito.

Faccio scorrere la mano sulla schiena e con un tocco deciso mi slaccio il reggiseno. Mi copro con le mani e lascio cadere l’indumento a terra, muovendo poi in maniera sensuale e accattivante il bacino.

Arrivata davanti a loro mi scopro i seni riuscendo a non lasciar trapelare l’imbarazzo che comunque mi sta mordendo la bocca dello stomaco. Mantengo lo sguardo fisso su di loro, concentrandomi sulla musica e sul fatto che tutto questo mi porterà a lui.

Quando la musica finisce quasi non me ne rendo conto.

Mi fermo e li osservo ansimante, facendo un sorriso sornione.

Scendo dal palco senza coprirmi, dirigendomi con passi lenti e studiati verso il loro tavolo. L’uomo mi osserva incantato, la donna ha un lieve sorriso sul volto.

«Bene, Rosario…» il suo tono è compiaciuto «Direi proprio che abbiamo trovato la nostra nuova attrazione, che ne dici?»

«Direi proprio di sì… Siediti, tesoro.» mi indica una sedia di fianco a lui.

Si volta e fa un cenno al barista, che subito si allontana dal bancone. Dopo pochi minuti lo vedo arrivare con una bottiglietta d’acqua ghiacciata ed una bottiglia di champagne in un secchiello, con tre calici.

Nell’altra mano tiene un accappatoio di stoffa rosso, me lo porge con un sorriso.

Lo accetto di buon grado e me lo infilo subito, allacciandomi la cintura in vita. È morbidissimo, la sensazione che dà sulla pelle è deliziosa.

Non me l’aspettavo.

A pensarci bene, tutto il locale non era come me l’aspettavo.

È un posto di classe, gli arredamenti sono pregiati…marmo, cristalli e specchi di alta qualità. Champagne. Acqua Perrier.

L’uomo e la donna di fronte a me sono vestiti entrambi in maniera elegante, indossano gioielli costosi e sprizzano potere da tutti i pori.

Un posto del genere, qui a Palermo, significa una sola cosa.

Mafia.

«Allora» interviene subito lei rivolgendosi a me e distraendomi dai miei pensieri «Siamo molto colpiti…sicura che non hai mai fatto questo lavoro prima d’ora?»

«Sicura.»

«Balli molto bene» lui ha un tono compiaciuto e mi accarezza con lo sguardo «E hai un corpo davvero magnifico, i clienti impazziranno per te. Sei perfetta.»

Gli sorrido, poi faccio un lieve cenno di ringraziamento con il capo.

«Puoi iniziare già domani, se vuoi. Se preferisci scegliere tu la musica e i costumi, non c’è problema. Avvisaci solo un po’ prima, in modo che possiamo preparare il tutto. Se vuoi dare un’occhiata nei camerini dietro il palco, c’è un’ampia scelta di abiti.»

Ci penso un attimo, poi faccio quella che secondo me è la scelta migliore. Ho già qualche idea.

«Se non vi dispiace, vorrei scegliere io la musica, ma per quanto riguarda i costumi mi piacerebbe vedere cos’ho a disposizione.»

«Certo, cara» la donna si alza in piedi e mi fa un cenno con la mano «Se vuoi venire con me ti mostro il retro, magari troviamo qualcosa che fa già al caso tuo.»

Mi alzo in piedi anch’io e mentre passo dal palco raccolgo i miei vestiti.

Provo a pensare a domani sera, quando sarò qui sopra a esibirmi per un branco di uomini allupati davanti a me. Un senso di disgusto sta emergendo, dal mio cuore, ma l’odio che provo per Salvatore Rizzo lo soffoca subito, riportandomi alla realtà.

Una cosa la so per certa, comunque.

Dopo domani sera…difficilmente sarò la stessa persona.

 Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-Salvo-

Esco dal locale, senza essere notato.

La donna che ho appena visto esibirsi sul palco mi ha lasciato senza parole.

Non le ho visto il viso, ero nascosto e lei era troppo lontana.

Ma ho ammirato il suo corpo, mi è bastato.

Non mi è mai capitato di vedere qualcuno muoversi in quel modo, ha scatenato in me una reazione tanto violenta da causarmi un’erezione piuttosto imbarazzante.

Mi passo le mani tra i capelli nervoso.

E pensare che ero venuto qui per fare due chiacchiere con Rosario a proposito di ieri sera…non volevo che lo raccontasse a nessuno.

Non avrei mai pensato di trovarmi davanti una visione del genere.

Mi ero ripromesso di non tornare mai più qui, ma quella donna mi ha fatto cambiare idea.

Credo ci rivedremo presto, Rosario.

 

FINE 2°CAPITOLO

 

– ARRIVEDERCI A VENERDI’ PROSSIMO – 

Questo racconto inedito a puntate è un opera di fantasia scritta in esclusiva per Stella e pubblicato per gentile concessione dell’autrice solo sul sito Free Passion.

© Riproduzione riservata. Proprietà intellettuale dell’autrice Samy. Vietata la riproduzione di questi contenuti o parte di essi.

 

22 Comments on Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 2° Capitolo

  1. manu85
    marzo 18, 2016 at 9:46 am (3 anni ago)

    Molto interessante questo capitolo….c’è pure una guerra interna alla famiglia quindi prevedo dei bei guai in vista
    Elena mi piace ha i così detti al posto giusto e prevedo grosse scintille tra lei e Salvo…
    non vedo l ora di venerdì prof.
    Complimenti

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 12:09 pm (3 anni ago)

      Grazie Manu!!!
      Sì, ci aspettano tanti intrighi e lotte… L’ambientazione lo richiede tra l’altro e spero che i personaggi che ho creato…vi piaceranno. :D
      Un abbraccio forte, ti aspetto venerdì prossimo!

      Rispondi
  2. Rosy ♥
    marzo 18, 2016 at 10:05 am (3 anni ago)

    Ed eccolo li il povero cucciolo caduto nella rete ;-)
    Mi fa tenerezza sul serio il bel mafioso :-D
    Samy apri le porte della casa di cure, io sto arrivando :-D ahahahahah :-D

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 12:10 pm (3 anni ago)

      Ehm……
      Non oso immaginare…. :D
      Quando entreremo per così dire nel “vivo e caldo” della storia….
      Hihihi
      Baciiiiii

      Rispondi
  3. Maria
    marzo 18, 2016 at 10:23 am (3 anni ago)

    Eh vedi che ha fatto colpo???!!!! Il nostro povero cucciolo mi sa che presto si trasformerà in un leone pronto a prendersi la sua preda…
    Mi sa che ne vedremo delle belle!!!
    Samy brava come sempre!!!
    Ps: la camicia di forza ce la mette salvo??? Magari aiutato da Adam e nick???

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 12:12 pm (3 anni ago)

      Eccola là!!!
      Ahahahah i tre insieme ve li immaginate???????
      Aiuto……
      Il leone, eh? Vedrai……
      Un bacione Maria…a venerdì!!

      Rispondi
  4. Claudia
    marzo 18, 2016 at 10:35 am (3 anni ago)

    Insomma Cucciolo mi sembra un pò esagerato! Samy non ha tutti i torti ;)
    Ci manca solo passerottino bello e siamo alla frutta…
    Quando Elena si é spogliata mi stavo vergognando per lei, non vedo l’ora di saperne di più dei pensieri lascivi di Salvo

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 12:14 pm (3 anni ago)

      Claudia….
      Una che mi capisce!!! :D :D :D
      …….
      Sono felice ti abbia colpito lo strip e soprattutto le sensazioni di Elena… Grazie.
      Un abbraccio, a presto…

      Rispondi
  5. Valentina
    marzo 18, 2016 at 12:36 pm (3 anni ago)

    Oggi non ha molto del “povero cucciolo”, anzi, in questo capitolo mi è sembrato un leone.
    Elena mi piace tanto, tosta e con un obiettivo ben preciso, ne vedremo delle belle!
    A venerdì, cara Samy

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 4:22 pm (3 anni ago)

      Eh sì cara Vale….
      Leone e leonessa…
      :D
      Un abbraccio, a venerdì

      Rispondi
  6. Chiara
    marzo 18, 2016 at 1:36 pm (3 anni ago)

    Ma quanto mi piace questa canzone?! Ed Elena è un bellissimo personaggio ,forte e determinato….caro salvo …c è pane per i tuoi denti…. Venerdì sbrigati ad arrivareeee

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 4:24 pm (3 anni ago)

      E grazie a te per la canzone!!!
      Forte e determinata….
      Fortissima.
      Un abbraccio forte forte Chiaretta…

      Rispondi
  7. Federica
    marzo 18, 2016 at 4:46 pm (3 anni ago)

    TAAAAAAAAACCCCCCCCCCC, il pescce ha abboccato all’amo direi :3
    Ottimo, ottimooo!! Così lo voglio a tutti e due!!!! :3
    Lei è una gran furba e soprattutto, sa come comportarsi, come muoversi.. ahahahah Salvo non ha assolutamente scampo :3
    Questa Bianca invece non mi piace già >.< Vedremo!! Alla prossima Samyyyy!!!!!!!

    Rispondi
    • samy
      marzo 18, 2016 at 7:15 pm (3 anni ago)

      Fede carissima ti aspetto venerdì prossimo……
      Andremo in crescendo!! :D
      Un abbraccio…

      Rispondi
  8. Virna
    marzo 18, 2016 at 8:01 pm (3 anni ago)

    Fantastica questa donna!
    Lei e Salvo faranno scintilleeeee!!!
    Me lo sento e non vedo l ora :)
    Samy ti adoro sempre di più

    Rispondi
    • samy
      marzo 19, 2016 at 8:16 am (3 anni ago)

      Grazie Virna…
      Altro che scintille, vedrai…..
      Intanto preparati per venerdì prossimo, che toccherà a te..
      Un bacio!!!

      Rispondi
  9. Veronica80
    marzo 18, 2016 at 8:27 pm (3 anni ago)

    Wow…
    Iniziamo con la giusta tensione!!!
    Sexy e intrigante. Me lo aspettavo il balletto!!!
    Quanto mi piacciono queste cose :)

    Rispondi
    • samy
      marzo 19, 2016 at 8:18 am (3 anni ago)

      Grazie Vero…
      Siamo all’inizio, sì…….
      :D
      Un abbraccio, a presto…

      Rispondi
  10. Helene
    marzo 19, 2016 at 12:13 pm (3 anni ago)

    Che personaggio Elena! Impavida e concentrata sul suo obiettivo! Ballo sensualissimo con una musica veramente azzeccata…Salvo imbarazzato mi sembra una buona premessa per quello che immagino sarà un incontro entusiasmante tra i nostri due… ;-)
    I loschi risvolti dei rapporti familiari in casa Russo ci faranno scervellare in puro stile Samy!!!!!
    Samy non vedo l’ora di venerdì!!!!!! <3

    Rispondi
  11. Dany
    marzo 20, 2016 at 1:17 pm (3 anni ago)

    Bellissimoooo!! Wow!! Quanti intrighi!! in famiglia rizzo sono tutti molto affiatato noto chi la spunterà? Elana mi piace molto come personaggio, veramente tosta saprà mettere all’angolo Salvo? Di certo ha già fatto colpo! ottimo lavoro Samy! Storia sempre più avvincente!!

    Rispondi
  12. Irina
    marzo 27, 2016 at 3:53 pm (3 anni ago)

    Questa protagonista ha veramente gli attributi! Mi piace molto, bravissima Samy!

    Rispondi
  13. Renèe
    aprile 1, 2016 at 7:37 am (3 anni ago)

    Il nostro Salvo, perderà il senno della ragione molto presto! Ottima scelta musicale, ottimi personaggi, insomma Samy… sei una forza della natura!
    Credo che questa storia ci terrà incollate al pc a lungo…molto a lungo!!!! un abbraccio !

    Rispondi

Leave a Reply