“Outlander” e la folle telecronaca della prima puntata

La storia si ripete.
Anche un anno fa circa ero qui in pieno delirio da “Outlander” e avevo coinvolto, con la mia follia, molte di voi in questo girone dell’inferno.
Ora, quei cari momenti sono tornati, con l’inizio della seconda serie, andata in onda nei giorni scorsi e che ha già fatto più danni di uno tsunami. In sostanza con noi la neuro è costretta agli straordinari.

12742250_1007063806019495_2049079566014378629_n
Nei prossimi mesi il mio tempo a disposizione sara’ sempre più rosicato, non ho la più pallida idea se riuscirò a mettere per iscritto il mio immenso disagio da visione tutte le settimane, per ogni singolo episodio, però mi sembrava carino, almeno per l’inaugurazione, condividere con voi le prime impressioni, anche per una sorta di remember, un modo di festeggiare tutto nostro.


Faccio una piccola premessa: non ho ancora avuto modo, barra tempo, di leggere i due romanzi da cui sono tratte le nuove puntate, quindi, anche se in parte di alcune anticipazioni sono già al corrente, poiché la curiosità è femmina ed io ne sono una chiara dimostrazione, non so del tutto cosa aspettarmi da questa nuova stagione. Almeno sino a quando non andrò a colmare le mie lacune a riguardo.
E dopo la premessa, anche un doveroso avvertimento: se non avete ancora visto il nuovo episodio e avete intenzione nel procedere con la lettura, lo farete a vostro rischio e pericolo, poiché trattandosi di una folle telecronaca mi è impossibile non fare SPOILER. Sapevatelo!
Nell’ultima puntata della prima stagione avevamo lasciato Ginger nostro e la sua Claire sul ponte di una nave, in quel viaggio chiamato speranza e molte di noi si aspettavano di riprendere esattamente da quel punto.  Illuse!
Vuoi non giocare con la nostra sanità mentale sin dai primi minuti? Vuoi non farci cadere immediatamente nel baratro della disperazione? Vuoi non farci sudare sette camicie prima di far comparire sullo schermo quella “zazzera rossa“?

zazzerra rossa
Del resto, sono sicura che la produzione aveva in mente solo il nostro bene. Si sa, l’arrivo della bella stagione è alle porte ed espellere liquidi e’ la maniera migliore per combattere la cellulite.
Avete presente quando si dice: ” il buongiorno si vede dal mattino?!?”
Ecco, io avevo già compreso che la fregatura era dietro l’angolo con la sofferenza del riassunto delle puntate precedenti, tutti macabri dettagli che in cuor mio volevo solo dimenticare e di cui avrei fatto volentieri a meno.

Come ho detto più volte: le ultime due puntate della prima stagione, per la sua infinita crudeltà, e anche perché sono una fifona patentata, sono le uniche che non ho rivisto sino allo sfinimento.
Quindi, dopo aver chiuso gli occhi per non vedere, li ho aperti per via di un grido che, definire straziante, e’ solo un eufemismo. Per la serie di bene in meglio.

image
Siamo ritornati li, dove tutto è iniziato, al cerchio di pietre come in una sorta di déjà vu, con la nostra Sassenach in preda ad un feroce dolore per la consapevolezza di aver perduto il grande amore della sua vita e aver fatto ritorno nel presente.
“Lui non c’era più.”

image
A questa frase mi era già partita inesorabile la prima lacrima e fatta mia la disperazione di Claire, anche perché diciamoci la verità: presente significa non vedere più quel bel faccino, senza fare nomi. Ogni riferimento NON è puramente casuale.
La piena conferma del nuovo viaggio nel tempo e il ritorno al presente viene fornita anche da quel pover’uomo, uno sconosciuto, che Claire ha incontrato per strada e che avrà pensato: ” che ho fatto di male nella mia vita per meritami un’interrogazione di storia in mezzo ad una strada di campagna? Bella Signora, pazza da legare, sa quanti anni sono passati dai tempi della scuola? Non è che uno può ricordarsi chi ha vinto la battaglia di Culloden, così, su due piedi!”
E dopo lo shock iniziale arriva di nuovo una bellissima emozione, una magra consolazione, regalata dalla stupenda sigla, riadattata nelle immagini e nei suoni, che non ascoltavo da tempo. Le piccole gioie.

So che alcune di voi stanno pensando: ” se ti piaceva così tanto, non potevi ascoltarla sul tubo ogni tanto?”
Non è proprio la stessa cosa, sapete?!?
Ascoltare la sigla, sapendo che dopo vi aspetta il nulla cosmico, è come sedersi a tavola per una cena sapendo che non c’è un bel dolce ad attendervi alla fine. Non si fa. Una poi ci rimane male.
Il presente riporta ai nostri occhi anche un volto, ahi noi, familiare e molto odiato, discendente di quel Black Jack a cui abbiamo augurato le peggiori cose: il caro maritino della nostra Claire, Frank Randall, felice come sette Pasque per aver ritrovato dopo anni la sua dolce consorte.
Spetta, mio caro, che ancora non sai quanto te pesa la testa. Quello che credevi un inizio di emicrania, in realtà, è ben altra cosa.

cervoQuesta immagine è un gentile omaggio per alcuni amici. Poi, più tardi, capirete.
E qui, devo dire, che sono quasi arrabbiata con la produzione, perché sono riusciti nell’intento di farmi provare il brivido per quasi mezzo secondo. Si, perché alla luce di alcune rivelazioni e confessioni nate dal racconto di Claire sul suo viaggio in un’altra epoca, ho provato quasi pena per lui, in un particolare momento la gioia dipinta sul suo viso mi ha fatto quasi tenerezza.

Ripeto: quasi.

Poi si è reso conto pure lui che in questa vita vale sempre la regola ” mai na gioia” e i geni da sterminatore folle del suo antenato sono tornati prepotenti ad impossessarsi di lui, distruggendo tutto quello che si trovava davanti al suo cammino. Lo preferisco in questa veste, almeno mi può stare sulle palle senza sentirmi in colpa.

Non sono pronta ad affrontare Un Randall umano, ecco. Capitemi.
Almeno in questo caso, bisogna ammettere che la sua rabbia era giustificata, e non dettata dalla cattiveria gratuita, come quella del suo avo. Ad un certo punto ha compreso pure lui che, nonostante si parlasse in qualche modo di qualcosa di magico, di Vergine Maria e Immacolata concezione ce n’e’ stata solo una e la prescelta non era la sua Claire.
E con questo credo di aver pure svelato il mistero e il perché del suo scatto d’ira.
Tua moglie torna, dopo essere scomparsa per due anni, il dubbio sorge spontaneo……e il mal di testa continua a farsi insistente. E non è la cervicale a dar noia.

Giuro vorrei essere solidale con la sua sofferenza, ma Gne la faccio.

#TeamJamie4ever  (:heart:)

Dopo circa quaranta minuti in cui avevo smesso di sperare, finalmente, una mano tesa….

mano tesa

…ci conduce verso un nuovo inizio ed appare in tutta la sua gloria il bel viso di Ginger nostro.

Quanto mi era mancato!

ginger
Un altro salto nel passato, molto gradito, ci riporta indietro nel 1745 su suolo francese dove la nostra amata coppia deve mettere a punto una strategia infallibile per salvare il popolo scozzese.
Dopo quegli interminabili minuti, sentire ancora le lamentele di Murthag in Gaelico mi ha aperto il cuore, è stato come ricevere una boccata di ossigeno e mi è tornata l’euforia, pronta per la nuova avventura alla corte di Francia.
Anche perché, Murthag, fidati, le rane non sono così male, e’ come mangiare del pollo.
E mentre ci si adatta ai nuovi ambienti e si creano alleanze, vuoi non trovare anche quei dieci minuti buoni per cacciarti nei guai?
Claire, sei scesa da quella nave da quanto?! Mezz’ora?
Ma na manciata di cavoli tuoi una volta all’anno, vuoi farteli?
Ma tutta quella pace ti disturbava così tanto?
Insomma, vi siete lasciati alle spalle quel sadico di Black Jack, ma te pareva proprio il caso di mettere i bastoni tra le ruote al Comte de Saint German?
Che poi voglio dire: tolto il parruccone, è pure un gran bel pezzo di figliolo, ma tenerlo buono per le amiche e fare un’opera di bene, invece di farselo nemico?
Magari tornava pure utile, te pare?
E quindi, niente, la puntata si conclude con nuovi sguardi di sfida affilati come coltelli. Se gli occhi potessero uccidere quelli del Conte avrebbero già fatto una strage. Garantito.

comte
La nostra coppia ha cambiato nazione, ma deve comunque guardarsi sempre le spalle perché qualcuna ha la lingua sciolta. Che ci volete fare. Si torna sempre al punto di partenza. In pratica.
Appena terminata la puntata è partito subito il conto alla rovescia, nell’attesa della seconda dove, dai trailer, ho già intravisto costumi da favola, compreso quel meraviglioso abito rosso fuoco che mi aveva fatto venire gli occhi a cuoricino qualche tempo fa.

Outlander-red dress

Per concludere, come sempre, vorrei ringraziare dal profondo del mio cuore i ragazzi del Team Sub: siete impagabili, vi amo.

outlander

Dopo questa qualcuno dovrebbe farvi un monumento  :-D

Intanto che faccio la brava e vado a studiare, vi rimando alla prossima, se riesco!  (:kiss:)

firma stella

16 Comments on “Outlander” e la folle telecronaca della prima puntata

  1. Virna
    aprile 13, 2016 at 10:33 pm (2 anni ago)

    Articolo stupendo!!!
    Brava come sempre!!! :)

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 6:50 pm (2 anni ago)

      Grazie mille di (:heart:) (:kiss:)

      Rispondi
  2. Veronica80
    aprile 13, 2016 at 11:10 pm (2 anni ago)

    Bellissimo articolo!!! Che il delirio continui :)
    Comunque mi sono commossa e non per la puntata ;)

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 6:51 pm (2 anni ago)

      Grazie per i complimenti ed anche io mi sono emozionata per tante cose (:kiss:)

      Rispondi
  3. Claudia
    aprile 14, 2016 at 7:01 am (2 anni ago)

    Le frasi epiche della fine puntata hai fatto bene ad omaggiarle!
    Inizio lento ma ci sta tutto,piano piano verranno a galla tante situazioni da infarto.
    In questa puntata mi è piaciuto tantissimo Tobias,bravo attore.
    Grazie Stella

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 6:54 pm (2 anni ago)

      Tobias è veramente un grande attore, ma ormai io associo il suo volto al famigerato e mi parte istantanea la carogna (:diablo:)
      Comunque lui, come tutto il resto del cast, ha un talento fuori dal comune. Questo va detto, anche perchè il suo doppio ruolo non
      è per niente facile.
      Ai ragazzi del Team Sub, prima o poi, faccio un monumento, mi fanno piegare. Era doverosa una citazione :-D

      Rispondi
  4. Federica
    aprile 14, 2016 at 7:05 am (2 anni ago)

    Ahahahah mio dio, che delirio!! Ne vedremo delle belle davvero in questa stagione!! XD
    Bellissimo articolo stella!!
    Ps. Adoro i commenti finali dei traduttori xD

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 6:55 pm (2 anni ago)

      Grazieeeeee (:kiss:)
      Io tremo per quello che ci aspetta, non mi piace non sapere, devo leggere i libri al più presto, ma prima devo finire la Reizs.
      Quei ragazzi io li amo, sono troppo forti. (:cool:)

      Rispondi
  5. fabiana
    aprile 14, 2016 at 7:16 am (2 anni ago)

    Bellissimo delirio! Io ancora pecco per una mancata visione di questo bello ginger nostro a cui devo assolutamente rimediare se non voglio patire le pene dell’ inferno…cosa per cui già le mie intenzioni erano rivolte dopo altri tuoi precedenti deliri

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 6:57 pm (2 anni ago)

      Devi assolutamente recuperalo Fabiana, vedrai che merita parecchio e finirai anche tu a delirare come noi (:wink:)
      Grazie per i complimenti (:kiss:)

      Rispondi
  6. Helene
    aprile 14, 2016 at 9:17 am (2 anni ago)

    Gran bell’articolo!!! Mi sono ritrovata tanto dalla commozione iniziale per quel senso di perdita straziante, ai sentimenti contrastanti per Frank…ma è stato solo un attimo perchè quando si incavola risaltano fuori i geni di BJ e non può non starti sulle palle….e infine la standing ovation quando ricompare Ginger nostro!!!!
    Io ho letto i libri e almeno per quanto mi riguarda prevedo almeno un paio di puntate da panico totale, onestamente non vedo l’ora…. ;-)
    Grazie Lara…chi se li scorda i commenti dell’anno scorso sulle puntate della prima serie, esempio puntata 9 con triplo orgasmo????? Le risate, le sudate e gli occhi a cuoricino e le lacrime!!
    Mi auguro che nonostante i tuoi impegni qualche articolo su Outlander riuscirai a scriverlo ancora…tutto per noi!!!!!
    Baci

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 7:06 pm (2 anni ago)

      La puntata nove, così come la sette, rimarranno negli annali per la follia pura!
      Giuro che farò il possibile per fare altre telecronache delle puntate, solo per noi (:wink:) (:heart:)

      Rispondi
  7. Carmelawll
    aprile 14, 2016 at 3:11 pm (2 anni ago)

    Splendido articolo Stella, non ti ho mai ringraziato di averci fatto conoscere questa meravigliosa storia e il nostro straordinario ginger lo scorso anno, quindi spero anche io che continuerai a postare articoli sulle nuove puntate. Nonostante abbia letto solo metà del L’amuleto d’ambra e mi aspettavo quello che ho visto, le sensazioni sono state le stesse che hai descritto, anzi ho preferito di gran lunga come ricomincia la storia nella puntata che nel libro, dove a mio parere c’è un salto temporale esagerato. Però mi sono emozionata allo stesso modo e ho persino compreso lo scatto di Frank e ammetto di aver ammirato l’interpretazione di Tobias ma rivedere Jamie/Sam….. Non ci sono parole. Per quanto riguarda gli italiansubs poi, mi hanno fatto morire dal ridere come avevano stemprato a sofferenza con il commento su gli attributi di Black Jack nell’ultimo episodio della prima stagione. Sono fantastici…. Attendo le prox puntate e i tuoi articoli…

    Rispondi
    • Stella
      aprile 14, 2016 at 7:12 pm (2 anni ago)

      I ragazzi del Team sono fantastici, molte delle loro frasi sono passate alla storia, vedi pure quelli della puntata dieci. “Lirii balla su …..” :-D
      Io li amo!
      io ringrazio te, invece, e tutte le ragazze, perchè trovate sempre cinque minuti per condividere opinioni e leggere i miei deliri e prometto che, nonostante i vari cambiamenti e nuovi impegni, farò il possibile per regalarvene altri (:kiss:)

      Rispondi
      • Carmelawll
        aprile 15, 2016 at 8:07 pm (2 anni ago)

        Si fortissimo, rivedevo la faccia di Liri (non mi ricorderò mai come si scrive) quando è stata rifiutata…

        Rispondi
  8. Valentina
    aprile 15, 2016 at 10:56 am (2 anni ago)

    Bellissimo articolo!
    Io non mi unii a voi nel delirio della prima stagione, ma la scorsa estate ho recuperato.
    Quando ho visto la prima scena, ho quasi urlato insieme a Claire. Meno male che poi la nostra zazzera rossa ha fatto la sua apparizione.
    Grazie Stella, a presto per le prossime puntate! <3

    Rispondi

Leave a Reply