Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 12° Capitolo

Settimana scorsa abbiamo avuto uno dei primi grossi colpi di scena del racconto della nostra Samy, ma la strada è ancora lunga e tutta in salita per Salvo e Elena.

Il primo si deve guardare le spalle dalla sua stessa famiglia e la seconda ha veramente tanto su cui riflettere e un intero futuro da progettare, meno male che esistono gli amici, sempre pronti a tendere una mano.

E con questo capitolo vi aspettano anche dei ritorni, sono sicura molto, ma molto graditi 

TI TROVERO

Vi lascio in compagnia dei nostri ragazzi, quindi, non mi rimane che augurarvi buona giornata seguito come sempre dall’immancabile….

 Buona Lettura

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-PLAYLIST-

PROLOGO – L’odore del sesso – Ligabue  – by Samy P.

Capitolo 1 – Kashmir – Led Zeppelin – by Helene

Capitolo 2 – Lady Marmalade – Christina Aguilera, Lil’ Kim, Mya, Pink – by Chiara

Capitolo 3 – Cold – Annie Lennox –  by Virna

Capitolo 4 – Straight to number one – Touch and go  –  by Veronica

Capitolo 5 – Do what U Want – Lady Gaga – by Lara

Capitolo 6 – I cento passi – Modena City Ramblers – by Samy P.

Capitolo 7  – High for this – Weeknd –  by Alessia

Capitolo 8 – Stronger – Kelly Clarkson –  by Lara

Capitolo 9 – Rolling in the deep – Adele –  by Samy P.

Capitolo 10 –  Caravita –  Articolo 31 – by Rosy C.

Capitolo 11 – Impossible – James Arthur  – by Federica

Capitolo 12 – Dancing  – Elisa – by Rosy P.

Capitolo 13  –  Love is a loosing game – Amy Winehouse – by Valentina

Capitolo 14 – I fought the law  –  The Clash – by Samy P.

Capitolo 15  – In the night  –  Weeknd – by Lara

Capitolo 16 – Torn –  Natalie Imbruglia  – by Samy P.

EPILOGO – I will remember – Toto –  by Claudia Le

LA PLAYLIST DEL RACCONTO E’ DISPONIBILE ANCHE SUL CANALE YOUTUBE E CONDIVISIBILE SUI SOCIAL ANDANDO QUI

-PERSONAGGI-

titroveròpersonaggi

ELENA GRECO, 35 ANNI

SALVATORE RIZZO (SALVO), 45 ANNI

BIANCA RIZZO, sorella di Salvo – 50 ANNI

ANTONINO RIZZO (NINU), fratello di Salvo – 37 ANNI

LEONARDO MESSINA (LEO), braccio destro di Salvo – 44 ANNI

FABIO LEONE, collega di Elena, 37 anni

Maresciallo TOMMASO ARENA, 57 ANNI

IMG_3136

-TI TROVERO’-

– #3 LIFE SECRETS SERIES – 

– 12° CAPITOLO – 

-Elena-

È ormai notte fonda quando suono il campanello della casa di Fabio.

Sento provenire un trambusto dall’interno e non appena la porta si apre mi trovo davanti il suo volto sgomento. Mi guarda come se fossi un fantasma.

«Fabio…» sono stremata, a malapena riesco a parlare.

Lui si lancia su di me e mi abbraccia stretta, trascinandomi dentro.

«Cazzo, Elena, cazzo…» si allontana da me e mi prende il viso tra le mani, stringendolo forte «Sei viva, viva!»

«Sì, sono viva.» gli copro le mani con le mie e chiudo gli occhi. Sono al sicuro, ora.

«Vieni, sembri distrutta.»

Provo a fare un passo dentro casa, ma le gambe mi cedono. Lui prontamente mi prende tra le braccia e mi solleva, portandomi dritto in salotto, sul divano.

Lo sento che mi sfila le scarpe e mi sistema un cuscino dietro la testa, con dolcezza. Gli occhi mi si stanno chiudendo, ma non posso crollare proprio ora.

Non prima di avergli detto la cosa più importante.

«Fabio…non dire a nessuno che sono viva.» poi crollo in un sonno profondo.

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

 

Quando apro gli occhi l’aroma del caffè è la prima cosa che sento.

Inspiro a pieni polmoni, sentendo subito dopo il profumo di brioche appena sfornate.

Mi sollevo su un gomito e guardo verso la cucina, Fabio è in boxer e maglietta, sta preparando la colazione. Attirato dal mio movimento si volta verso di me e mi sorride.

«Buongiorno. Ben svegliata.»

«Buongiorno.» mi alzo in piedi e lo raggiungo sbadigliando, mi siedo su uno sgabello della sua penisola e incrocio le braccia al petto.

Sono pronta per le sue domande, perché so già che ne avrà.

Lui si volta verso di me e si appoggia con le mani al bordo del bancone, con aria di sfida.

«Che è successo, Elena? E dimmi la verità, ti prego, perché penso di meritarmela. Ieri sera sono andato all’ospedale per riconoscere il tuo cadavere.»

«E…»

«E sembravi proprio tu, cazzo. Aveva addosso la tua divisa, i capelli erano identici, le mani… non so se è stata la suggestione o cos’altro, ma sembrava fossi proprio tu.» Fa un profondo sospiro, le labbra gli tremano. Non oso immaginare cos’abbia provato. «Tu non hai parenti, quindi hanno chiamato me. Il volto era sfigurato, il cadavere è stato gettato da un’auto in corsa. Mi vuoi dire che diavolo è successo?»

Mi schiarisco la voce. Spero di riuscire a spiegare tutto quello che è accaduto. Spero che lui possa capire quello che provo e soprattutto spero possa capire la scelta che ho fatto mentre venivo qui.

«È successo che Salvatore Rizzo mi ha risparmiata.» lo guardo negli occhi, che lui spalanca per la sorpresa.

«Cosa?»

«Hai capito bene, Fabio.»

Stringe gli occhi, arretra un po’ e incrocia le braccia, sulla difensiva.

«E perché l’avrebbe fatto, secondo te?» il suo tono è tagliente.

«A dir la verità, non me l’ha detto.» abbasso lo sguardo, il tumulto di emozioni che sento dentro rischia di farmi crollare da un momento all’altro.

«Guardami, Elena.»

Alzo gli occhi, quando incrocio i suoi li vedo carichi di dolore.

«Che è successo, laggiù?»

«Niente di importante.» la mia voce è roca, a malapena riesco a trattenere un singhiozzo.

«Già, niente di importante…come no. Vallo a raccontare a qualcun altro.» scuote la testa, come mortificato. «È successo di nuovo, vero?»

Alzo le spalle, non riesco a rispondere.

«Sei andata di nuovo a letto con lui.» la sua non è una domanda, dentro di lui sa già la risposta.

Dapprima nego risoluta, ma la sua espressione comprensiva mi fa confessare la verità. Annuisco, sentendo le lacrime salire di nuovo agli occhi.

Con un balzo Fabio fa il giro del bancone e mi abbraccia forte. Mi accarezza i capelli con dolcezza mentre io do sfogo a tutta la mia disperazione.

«Stai tranquilla, tesoro…tutto si sistemerà. Stai tranquilla, penserò io a te.» mi bacia i capelli, come farebbe un fratello maggiore.

Mi allontano da lui e mi asciugo le lacrime con il dorso delle mani.

È il momento di dirglielo. Ora.

«No, Fabio. Questa volta no.»

«Come?»

«Questa volta no, ho deciso che penserò io a me stessa, da oggi in poi. È venuto il mio momento.»

«Ma come farai?»

«Voglio andarmene da qui. Ho bisogno di ricominciare e quello che è successo durante l’operazione, non so… mi si è rotto qualcosa, dentro.»

Fabio si allontana un po’ e appoggia i fianchi al bancone, ascoltandomi attentamente.

«Da quando i miei sono morti ho passato ogni secondo della mia esistenza ad alimentare l’odio per Salvatore Rizzo. Era il mio pensiero fisso, di notte sognavo di arrestarlo, di giorno cercavo di raccogliere ogni indizio che mi portasse a lui. Non sapevo se sarei riuscita ad arrestarlo e non sapevo se avrei resistito all’impulso di ucciderlo, ma ce l’ho fatta.» mi passo una mano tra i capelli e mi preparo al momento più duro di tutti. Spero con tutto il cuore che mi capisca. «Nel momento in cui l’ho arrestato, però… non ho provato la gioia che mi aspettavo. Ho provato un senso di vuoto, di dolore. Non riuscivo a spiegarmi il perché, Fabio… poi laggiù ho capito.»

Fabio non parla, continua ad ascoltarmi con attenzione.

«Nell’istante in cui lui mi ha toccato per la prima volta sono diventata sua. È successo, Fabio, e non sono stata in grado di controllarlo. Ho cercato di soffocarlo con tutta me stessa, ma più cercavo di soffocarlo più soffrivo. Nel momento in cui ho accettato di appartenergli mi sono sentita libera. Libera dal senso di colpa nei confronti di tutti, per primi i miei genitori. Libera di essere la vera me stessa.»

«Ti sei innamorata di lui.»

«Sì.»

Lui fa un sorriso sarcastico e sbuffa dal naso, come per soffocare una risata.

«Non pensi che sia solo una passione morbosa che potrebbe avere la vittima per il suo carnefice? In fin dei conti credo che lui ti abbia imprigionata, e…»

«L’ho amato dal primo istante, Fabio. Non posso più negarlo, ormai.»

Mi guarda con dolcezza, poi spalanca le braccia.

«Vieni qui.»

Mi getto sul suo torace, lo abbraccio stretto e appoggio la testa sul suo petto.

«Che farai, ora?» la sua domanda è perfettamente lecita, non ho fatto altro che chiedermi la stessa cosa anch’io durante tutta la strada che ho fatto per arrivare fino a qui.

«Voglio andarmene, ma non posso fidarmi di nessuno. Ho bisogno di documenti falsi e di un viaggio sicuro. Lui mi ha lasciata viva e sta rischiando parecchio…non voglio che gli accada qualcosa, io…»

«Shhh… Stai tranquilla. Credo proprio di avere chi fa al caso nostro, sai?»

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-Salvo-

«Hai letto i giornali? Strano che non si riconosca il volto.» la voce di Ninu proviene dalla cucina, mi fermo ad ascoltare fuori dalla porta.

«Strano davvero. Hai visto che sguardo aveva quando è sceso giù per prepararla? E quanto ci è stato poi…scommetto che ha fatto più che prepararla.» Bianca fa una risatina sarcastica.

«Credo abbia perso la testa per lei. E se dovessimo scoprire che non l’ha uccisa come dice, Bianca…sai cosa dobbiamo fare.»

«Avremmo già dovuto farlo, Ninu. Non è affidabile, tu saresti molto meglio al comando. Abbiamo uomini che sono con noi, lo sai. Sono ancora pochi per dare il via a una guerra, ma tra non molto credo che altri si schiereranno dalla nostra parte.»

«Mah…non ne sono così sicuro, Salvo gode di molto potere in famiglia. Poi con gli affari a New York, Bianca… non credere che sia così semplice.»

Sento le sedie che si muovono e il rumore del giornale che viene buttato sul tavolo.

«I miei uomini mi saranno fedeli, ma dobbiamo trovarne altri.» Ninu ha una lieve flessione nella voce, che conosco bene.

Paura.

Li sento uscire in giardino, attendo ancora qualche minuto poi varco la soglia della cucina ed entro, guardandomi intorno.

Sul tavolo c’è del caffè pronto e una torta intera, ancora da tagliare. Faccio una smorfia, prendo il telefono e chiamo Leo.

«Pronto, Leo? Raggiungimi a casa, usciamo a far colazione.»

Dopo pochi minuti salgo a bordo della sua auto e ci avviamo verso il mare.

«Come mai sei voluto uscire? Non è un po’ rischioso?»

«So dove andare, luoghi sicuri. E poi credo che d’ora in avanti non mangerò più così spesso a casa.»

Lui si gira a guardarmi, con aria interrogativa.

«Che è successo?»

«Ho sentito Bianca e Ninu parlare, stamattina.» mi gratto la barba sul mento, pensieroso.

«Quindi? Progettano di farti fuori? Questo lo sapevamo già.»

«Ho capito dai loro discorsi che hanno diversi uomini dalla loro parte e non ho idea di chi siano.»

Lui riporta l’attenzione sulla strada, corrugando la fronte.

«Non posso più fidarmi di nessuno, là dentro. Se non di me e te.»

«Sai che io non ti tradirò mai, Salvo.»

«Lo so.» guardo fuori dal finestrino, serio. «Ma ora dobbiamo scoprire chi è con me e chi non lo è. E soprattutto devo accertarmi che Elena non faccia stronzate.»

Lui sorride.

«Non credo le farà. Ho visto bene il suo viso e l’espressione che aveva quando l’hai risparmiata. Sa cosa stai rischiando e sa anche perché l’hai fatto, credimi.»

Mi volto a guardarlo di scatto, poi gli pianto una gomitata sull’avambraccio.

«Sentiamo, perché l’avrei fatto?»

«Semplice. Perché la ami.»

«Non dire stronzate, Leo.»

Lui scoppia in una risata sonora.

«E quindi il capomafia Salvatore Rizzo avrebbe messo a rischio la mia e la sua vita per salvare una donna di cui non gli importava nulla?» mi restituisce la gomitata. «Non dire stronzate tu!»

«Ehi, porta rispetto.»

Mi strizza l’occhio, poi senza dire altro si concentra di nuovo sulla guida.

Elena.

Dio, quanto mi manca.

Separarmi da lei è stata una delle cose più difficili che io abbia mai fatto in tutta la mia vita. Non lascia un attimo i miei pensieri, è una presenza costante nei miei sogni e non posso fare a meno di chiedermi se stia bene e dove sia in questo momento.

Ma avvicinarmi a lei è la cosa più sbagliata che io possa fare ora e anche in futuro.

Devo accettare il fatto che forse non la rivedrò mai più e questo mi fa impazzire di dolore.

Le ho ordinato di dimenticarmi.

Devo farlo anch’io.

Ma non so se ci riuscirò.

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-Elena-

Mentre le note di “Dancing” di Elisa accarezzano l’appartamento, non posso fare a meno di pensare che presto me ne andrò da qui. Il senso di distacco da lui mi dilania il petto, facendomi già provare prima del tempo un’assenza dura da accettare.

All’improvviso il suono del campanello mi fa sobbalzare.

«Eccola, è lei.» Fabio mi sorride e si alza dal divano per andare ad aprire.

Sento ridere e allungo il collo per vedere di chi si tratta. Fabio non mi ha spiegato nulla, mi ha solo detto che conosceva qualcuno che ci avrebbe potuto aiutare.

La donna che mi si presenta davanti è di una bellezza quasi eterea: lunghi capelli biondi e occhi azzurri come il cielo. Sembra un angelo.

Mi sorride e mi porge la mano.

«Piacere, io sono Michelle.»

«Piacere, Elena.»

Gliela stringo come faccio di solito, con forza. Lei mi fa un sorriso compiaciuto.

«È davvero un piacere conoscerti, Elena. Salvo mi ha parlato di te.»

Mi sento pietrificare, guardo Fabio smarrita.

«Stai tranquilla, Michelle è un agente dell’FBI di Washington. È qui sotto falso nome, sta…diciamo proteggendo un testimone.»

La vedo arrossire appena e ridere di gusto.

«Non è proprio un testimone, è il mio fidanzato, in realtà. Sai…» il suo volto assume un’espressione dolce «se sono qui a raccontartelo, ora, il merito è tutto di Salvo.»

Inizia a raccontarmi tutta la sua storia, dalla relazione con Salvo – che mi fa andare il sangue alla testa – al suo incarico di proteggere colui che ora è il suo compagno, un certo Nicholas Walsh.

Salvo li ha aiutati a fuggire, li ha nascosti qui in Sicilia e li sta proteggendo.

Nelle ore che io risultavo scomparsa hanno tentato tutte le piste, persino quella americana, e sono risaliti alle indagini che l’FBI aveva svolto su Salvo. Hanno parlato con il capitano Mitchell di Washington e lui li ha messi in contatto con Michelle.

«Quando mi ha contattato il capitano Mitchell non ho esitato a chiamare Fabio. Sapevo quanto Salvo tenesse a te, mi aveva chiamato e mi aveva spiegato cosa stava accadendo tra voi. Conoscendolo, non mi sorprende che ti abbia risparmiata.»

«Perché dici questo?»

Michelle si volta verso Fabio.

«Scusaci, potresti lasciarci sole un minuto, per favore?»

«Certo» lui si alza subito e mi passa di fianco abbandonando la stanza. Nel farlo mi accarezza una spalla, per rassicurarmi.

Vedo lo sguardo di Michelle che segue il movimento della mano di lui e poi i suoi occhi si posano su di me.

«Posso chiederti una cosa?» mi sorride.

«Certo, chiedi pure.»

«Tra te e Fabio c’è qualcosa?»

«Certo che no» aggrotto la fronte, mi chiedo il perché di quella domanda.

«Scusa se te l’ho chiesto, ma come avrai capito io tengo molto a Salvo. È una persona che è profondamente legata a me e ha salvato la mia vita e quella del mio compagno. Volevo solo capire.»

«Capire cosa?»

«Sei innamorata di lui?»

Mi mordo il labbro, non so se voglio rispondere.

«Lascia stare, non serve.» mi sorride «Sono contenta.»

«Contenta?» il tono della mia voce è sarcastico «Non so nemmeno se lo rivedrò più!»

Lei scuote la testa, con un’espressione comprensiva.

«Fidati, se lui vorrà incontrarti… ti troverà. Ovunque tu sarai.»

Faccio un sospiro profondo, quanto vorrei che fosse vero.

«Ma ora pensiamo a metterti al sicuro. Ho un amico di cui mi posso fidare, negli Stati Uniti. Posso procurarti documenti falsi e organizzare il tutto in un paio di giorni. Starai da lui, sarai perfettamente al sicuro.»

Mi ha spiazzato. In poche parole ha organizzato il trasferimento, il nascondiglio, tutto quanto. Dovrò partire, lasciare la mia terra e allontanarmi per sempre da Salvo. Andrò in un posto che non conosco nemmeno io e non so se lui riuscirà mai davvero a trovarmi.

Ma per la prima volta dopo settimane ho qualcosa di nuovo davanti a me, qualcosa che si chiama “possibilità”. E non posso lasciarmela scappare.

«D’accordo. Che devo fare?»

 

FINE 12°CAPITOLO

 

– ARRIVEDERCI A VENERDI’ PROSSIMO – 

Questo racconto inedito a puntate è un opera di fantasia scritta in esclusiva per Stella e pubblicato per gentile concessione dell’autrice solo sul sito Free Passion.

© Riproduzione riservata. Proprietà intellettuale dell’autrice Samy. Vietata la riproduzione di questi contenuti o parte di essi.

14 Comments on Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 12° Capitolo

  1. manu85
    maggio 27, 2016 at 11:25 am (3 anni ago)

    Wow che capitolo…tanta carne al fuoco come sempre
    sono proprio curiosa di scoprire se il nostro amico in comune è forse Adam? Mi piace il Salvo che non riesce a capire i suoi sentimenti o meglio lo sa ma non li lascia uscire..
    più lunghi samy i capitoli
    baci

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:00 pm (3 anni ago)

      Tanta carne al fuoco, tanta….
      E ancora tante cose che devono accadere…
      …più lunghi…. mi avete chiamato perfida e perfida sarò, sempre!!!
      :D
      Un abbraccio, Manu… grazie. <3

      Rispondi
  2. Valentina
    maggio 27, 2016 at 11:26 am (3 anni ago)

    Samy, wow!
    Bel capitolo, questo racconto è un crescendo di emozioni e, anche se mancano pochi capitoli ormai, mi sa che ci saranno altre sorprese.
    Mi piace che la nostra Michelle sia coinvolta e ho come la vaga sensazione di sapere chi sia questo amico fidato negli Stati Uniti…un capitolo di grandi ritorni eh?!
    Grazie Samy, a venerdì, un abbraccio

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:10 pm (3 anni ago)

      Grandi ritorni…. vedremo chi, dove e quando. ;)
      Tante sorprese e colpi di scena, per questa coppia da qualcuno definita “insolita”…
      ;)
      A venerdìììììì

      Rispondi
  3. Claudia
    maggio 27, 2016 at 12:05 pm (3 anni ago)

    Oh mamma che impicci! 0.0
    Michelle ogni tanto spunta come i funghi…
    Fabio conosce Michelle…ma se… Vabbè non inizio altrimenti sparo una raffica di domande a cui non puoi rispondere ;)

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:12 pm (3 anni ago)

      Non posso, no.
      :D :D :D
      A venerdììììì
      Bacini.

      Rispondi
  4. Federica
    maggio 27, 2016 at 12:13 pm (3 anni ago)

    Oooh “un certo Nicholas Walsh” T_T Quanto mi mancavaaaaaaa <3
    Mmmmmm cmq Fabio… non so se fidarmi oppure no.. povera Elena, costretta a cambiare praticamente vita nel giro di due secondi.. Michelle per caso la manderà da un altra nostra vecchia conoscenzaaa?? Da Adam per casooo??? *-* non vedo l ora di scoprirlo!
    Cmq Salvo ormai è andato, non potrà resistere ancora a lungo senza di lei!
    Capitolo bellissimo come al solito :*
    Alla prossima!

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:13 pm (3 anni ago)

      Grazie Fede…!
      Vedremo chi terrà al sicuro Elena…vedremo.
      Ma la domanda è: Salvo? La vorrà ritrovare? Ce la farà?…..
      A venerdìììì

      Rispondi
  5. Helene
    maggio 27, 2016 at 2:27 pm (3 anni ago)

    Bel capitolo in cui entrambi ammettono di provare un sentimento profondo e divorante!
    La bella Michelle ha un ruolo ponte sempre molto efficace, appena appare è impossibile per me non figurarmi il bell’irlandese con il volto (e “tutto il resto”) del nostro Fassy….lo ammetto un po’ mi manca ;-)
    …ti troverà…ovunque tu sarai!!!! Bellissimo!!!!!!!!!!
    Andiamo avanti che sono curiosa di sapere che succederà!!!!! Brava Samy!!!!
    Un bacione

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:14 pm (3 anni ago)

      ….esatto…..
      Il “ti troverò” ha un po’ diciamo… cambiato senso.
      Prima era Elena che voleva trovare Salvo, e ora….
      Vedremo… vedremo……..
      Bacioni!

      Rispondi
  6. Virna
    maggio 27, 2016 at 5:03 pm (3 anni ago)

    Io mi sono focalizzata su “ti troverà.Ovunque tu sarai”!!!
    Si amano e le loro anime ormai sono unite.
    Distanti fisicamente ma vicini col cuore!!!
    La mia vena romantica ha preso il sopravvento e ora ho bisogno di vederli di nuovo insieme….ma conoscendoti so già che non mancheranno le sorprese….
    Questo Ninu e questa Bianca non li reggo proprio!!!
    In trepida attesa del prossimo capitolo

    Rispondi
    • Samy
      maggio 28, 2016 at 3:16 pm (3 anni ago)

      Nemmeno io li reggo… grrr
      I cattivoni della situazione… anche loro hanno comunque un ruolo determinante…vedremo.
      Bello sapere che ti sei appassionata anche a questa “strana coppia”… speriamo che riescano a trovare la loro pace e il loro equilibrio….
      Un bacio, Virna…
      A prestissimo.

      Rispondi
  7. ROSY C.
    maggio 28, 2016 at 5:54 pm (3 anni ago)

    Ke capitoloneeeee!!!!!!!! Michelle ke spunta all’improvviso è stata una mossa pazzesca ♥♥♥♥♥♥ l’amico in comune a New york …..mmmmmmm forse Adam o forse lo zio di Amelia …… vedremo…… fantastico Samy niente da aggiungere, alla prossima !!! :-* :-* :-*

    Rispondi
  8. Veronica80
    giugno 3, 2016 at 12:27 pm (3 anni ago)

    Bellissimo ritrovare Michelle!!!
    Le cose si mettono davvero male!!! Non vedo l’ora che lui vada a riprendersela <3

    Rispondi

Leave a Reply