Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 13° Capitolo

Da cucciolo, a belva, a “furia scatenata.”

Ad ogni capitolo corrisponde un avanzamento di carriera per Salvo nostro. Tremo al sol pensiero di arrivare alla fine. Momento che, tra l’altro, arriverà prima di quanto pensiate. Le quattro settimane che ci separano dalla fine arriveranno in un lampo, purtroppo 

Anche in questa puntata, come la scorsa, avremo vecchi amici che torneranno a farci compagnia, un ritorno che molte di voi accoglieranno con gioia e nostalgia, sono pronta a scommetterci la pistola di Salvo.

TI TROVERO

So anche che il termine del capitolo sarà seguito dalle solite lamentele di rito, ingorde, ma un consiglio: lasciate perdere. I giochi ormai sono fatti, mie care, l’intero racconto è concluso, consegnato nelle mani della sottoscritta da mesi e conservato nel mio archivio che neanche nella fortezza di Fort Knox.

Ma mettiamola in questi termini: manca poco alla fine delle vostre sofferenze…e del nostro divertimento 

Anche se, anche se…voi sapete che le nostre testoline una ne studiano e cento ne fanno, quindi state sempre sull’attenti, non fatevi trovare impreparate dai nostri agguati.

Aaaaahhhh, quasi dimenticavo: il pensiero che qualcuna di voi è rimasta imbambolata di fronte allo scaffale del supermercato mi fa ghignare come una pazza da una settimana, giuro! In caso, se avete bisogno di uno bravo per fare la stima dei danni celebrali, la parcella mandatela a casa Rizzo.

Vi lascio di nuovo in compagnia dei nostri ragazzi e non mi rimane che augurarvi una splendida giornata seguito come sempre dall’immancabile….

 Buona Lettura

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

-PLAYLIST-

PROLOGO – L’odore del sesso – Ligabue  – by Samy P.

Capitolo 1 – Kashmir – Led Zeppelin – by Helene

Capitolo 2 – Lady Marmalade – Christina Aguilera, Lil’ Kim, Mya, Pink – by Chiara

Capitolo 3 – Cold – Annie Lennox –  by Virna

Capitolo 4 – Straight to number one – Touch and go  –  by Veronica

Capitolo 5 – Do what U Want – Lady Gaga – by Lara

Capitolo 6 – I cento passi – Modena City Ramblers – by Samy P.

Capitolo 7  – High for this – Weeknd –  by Alessia

Capitolo 8 – Stronger – Kelly Clarkson –  by Lara

Capitolo 9 – Rolling in the deep – Adele –  by Samy P.

Capitolo 10 –  Caravita –  Articolo 31 – by Rosy C.

Capitolo 11 – Impossible – James Arthur  – by Federica

Capitolo 12 – Dancing  – Elisa – by Rosy P.

Capitolo 13  –  Love is a loosing game – Amy Winehouse – by Valentina

Capitolo 14 – I fought the law  –  The Clash – by Samy P.

Capitolo 15  – In the night  –  Weeknd – by Lara

Capitolo 16 – Torn –  Natalie Imbruglia  – by Samy P.

EPILOGO – I will remember – Toto –  by Claudia Le

LA PLAYLIST DEL RACCONTO E’ DISPONIBILE ANCHE SUL CANALE YOUTUBE E CONDIVISIBILE SUI SOCIAL ANDANDO QUI

-PERSONAGGI-

titroveròpersonaggi

ELENA GRECO, 35 ANNI

SALVATORE RIZZO (SALVO), 45 ANNI

BIANCA RIZZO, sorella di Salvo – 50 ANNI

ANTONINO RIZZO (NINU), fratello di Salvo – 37 ANNI

LEONARDO MESSINA (LEO), braccio destro di Salvo – 44 ANNI

FABIO LEONE, collega di Elena, 37 anni

Maresciallo TOMMASO ARENA, 57 ANNI

IMG_3136

-TI TROVERO’-

– #3 LIFE SECRETS SERIES – 

– 13° CAPITOLO – 

Miami

-Elena-

Quando atterro all’aeroporto di Miami il mio unico pensiero è trovare il mio contatto, ma in mezzo a quella folla mi sento spaesata. Anche se Michelle mi ha mostrato le foto di entrambi temo che non saprei riconoscerli in mezzo a queste migliaia di persone.

Poi un cartello bianco con una ragazza dai lunghi capelli rossi attira la mia attenzione

Elena G.

Sorrido, li guardo e loro mi notano immediatamente. La ragazza mi sorride di rimando, è bella e dolcissima. Il ragazzo al suo fianco è…beh, non riesco a descriverlo.

Affascinante? Bellissimo? Inquietante?

No, è molto di più.

Ha una maglietta con le maniche corte e i tatuaggi che si vedono sui bicipiti e sul collo fanno letteralmente girare la testa.

Cerco di riprendermi e mi affretto a raggiungerli, lei mi getta subito le braccia al collo.

«Elena, che piacere incontrarti! Com’è andato il viaggio?»

«Molto bene, grazie, il piacere è mio. Tu devi essere Amelia.»

«Sì, certo. E lui è Adam.» indica il ragazzo al suo fianco, che mi fa uno splendido sorriso che per poco non mi stende. Il suo essere tenebroso viene spazzato via in un istante e un’espressione comprensiva gli illumina il bel volto.

«Piacere di conoscerti, Adam.»

«Il piacere è mio, Elena.» Allunga una mano e mi prende la valigia «Vieni, andiamocene a casa.» mi mette una mano sulla schiena e ci allontaniamo da lì, dirigendoci verso l’uscita.

Ci avviamo in macchina in mezzo al traffico e il viaggio mi sembra lunghissimo.

Parliamo del più e del meno, mi spiegano che abitano in una piccola casa sulla spiaggia che hanno acquistato da poco. Mi hanno preparato una stanza al piano di sotto, prevedevano di farci uno studio per Amelia, ma ancora non l’hanno arredato.

Li osservo guardarsi, sfiorarsi le mani e sorridersi. Si vede lontano un chilometro che sono innamorati e hanno la fortuna di poter vivere sereni l’una accanto all’altro.

Non certo come me e Salvo.

Non so dove sia in questo momento, non so se sia riuscito a coprire la mia fuga. Non ho più avuto notizie, sembra essere sparito dalla Sicilia, ma è probabile che non sia così.

È molto bravo a far perdere le sue tracce e ci sono buone probabilità che sia ancora là.

Ripensare a lui fa aumentare quel dolore sordo che mi preme sul petto, da quando mi ha lasciata sola in quel bosco. Lo penso in continuazione, non posso fare a meno di chiedermi se lui stia provando le stesse cose o se abbia voltato pagina e stia andando avanti con la sua vita.

La tremenda facilità con cui mi ha lasciato è stata straziante. Ricordo ogni minimo particolare.

Dimenticami, Elena.

E chi può riuscirci? Dopo che mi ha sconvolto la vita, dopo che mi ha fatto vergognare di me stessa, dopo che mi ha salvato la vita e che ho capito di amarlo…chi potrebbe mai farlo?

Non lo dimenticherò mai, questa è la realtà.

Mi accorgo che Adam rallenta e mi guardo intorno incuriosita.

Lui parcheggia sul ciglio della strada, scendiamo tutti insieme e entriamo in una bellissima casa bianca, in riva al mare.

Non appena dentro mi sento subito a mio agio: l’ambiente accogliente e moderno, la grande vetrata che regala una luce splendida a tutto l’appartamento. Adam mi fa cenno di seguirlo e attraverso un breve corridoio entriamo in una stanza non troppo grande, nella quale è stato sistemato un letto, una scrivania con una sedia e un armadio capiente.

Lui posa la valigia a terra e Amelia ci raggiunge subito.

«Se vuoi riposarti un po’, non c’è problema. Ti ho messo alcuni asciugamani puliti in bagno, è qui a fianco. Noi utilizziamo sempre quello di sopra.» è dolcissima.

«Grazie, siete molto gentili.»

«È davvero un piacere per noi, Elena. Michelle ci ha raccontato, potrai stare qui finché vorrai. Io e Adam ci siamo presi qualche giorno di vacanza, ti aiuteremo ad ambientarti.»

Sorrido loro, senza riuscire a dire nulla. La generosità di queste persone è disarmante.

«Ci vediamo più tardi, riposa tranquilla.» Amelia mi sorride, poi insieme ad Adam lasciano la stanza e si richiudono la porta alle spalle.

Mi guardo intorno, sola. Il mio sguardo viene calamitato dalla grande finestra e quando mi avvicino e sposto le tende resto a bocca aperta: l’oceano è davvero a pochi metri.

Ripenso al meraviglioso mare di casa mia, chissà se Salvo è là, in questo momento.

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

Palermo

-Salvo-

«Grazie per essere venuto, Salvo.» Carmine mi stringe la mano e mi bacia il dorso, in segno di profonda riverenza.

Mi metto a ridere, gli do una pacca sulla spalla e lo invito ad alzarsi. So che la sua è una dimostrazione di lealtà nei miei confronti, la apprezzo davvero tanto in questo momento.

«Grazie a te, Carmine. Il pesce era come al solito squisito.»

«Tornate presto a trovarci, mi raccomando.»

Mi rabbuio in volto.

«Contaci.»

Lo saluto e ci avviamo alle auto. Tornare presto a trovarli, certo. Se non accadrà nulla.

Il tradimento è nell’aria, lo sento.

Mi sto muovendo con Leo e altri quattro uomini, mi aspetto da un momento all’altro che mio fratello cerchi di eliminarmi.

Ho notato il suo sguardo, ieri sera.

Era soddisfatto, come un bambino che era riuscito a rubare dei dolci senza che nessuno se ne fosse accorto. Come qualcuno che sapeva di aver architettato qualcosa e, soprattutto, sapeva che sarebbe andato a buon fine.

Salgo a bordo con Leo e altri due ragazzi e ci avviamo nel traffico. È una serata calda e ci sono parecchie persone in giro. Meglio passare per il centro di Palermo, riusciremo a confonderci in mezzo agli altri.

Mentre scivoliamo veloci tra le altre auto noto con la coda dell’occhio uno scooter con due ragazzi a bordo con il casco. Si affiancano a noi, quello dietro guarda dentro la nostra macchina.

Mi volto subito per osservarli, ma il loro scooter arretra e noi li superiamo, ma ormai è tardi. Sento un brivido sulla nuca, so cosa sta per succedere.

«Leo.» la voce mi esce risoluta e decisa «Attenti, ragazzi.»

Non faccio in tempo a finire di parlare che gli spari mandano in frantumi i vetri posteriori della macchina. Mi chino in avanti e metto la testa tra le gambe mentre i miei uomini rispondono al fuoco.

Ci sono spari, stridore di freni e un gran fracasso, fino a quando cessa tutto e solo il motore della nostra auto che va su di giri improvvisamente è l’unica cosa che riesco a sentire.

Alzo la testa e mi guardo indietro, scopro che gli scooter erano tre e i sei ragazzi che li guidavano sono tutti riversi a terra, credo privi di vita.

L’altra nostra auto ci sta seguendo, sembra che sia andato tutto liscio.

«Che cazzo è successo? Come diavolo hanno fatto a sapere che eravamo lì?»

Mi guardano tutti, la risposta è una sola, e la sappiamo.

Carmine.

La rabbia mi sale in gola, non riesco a soffocare un grido e pianto un pugno contro il sedile di fronte a me.

«Fai inversione, subito!»

Mentre il mio autista esegue l’ordine mi passo le mani tra i capelli. Sono inviperito. Se non posso fidarmi nemmeno di chi mi giura fedeltà di chi posso farlo? Questa storia deve finire.

In pochi minuti arriviamo da Carmine e scendiamo subito dall’auto.

Mi precipito dentro al ristorante in preda a una furia selvaggia.

Quanto entro lo trovo in un angolo del locale che sta facendo alcuni conti e non appena ci vede si alza di scatto terrorizzato.

«Carmine!» avanzo a grandi falcate verso di lui «Hanno appena cercato di ammazzarci tutti, come cazzo facevano a sapere che eravamo qui da te?»

«Cosa hanno fatto?» lui trema, mentre arretra arrivando fino con le spalle al muro. Lo prendo per il collo, sollevandolo da terra.

«Hai capito, stronzo traditore.»

«No, Salvo, io non lo farei mai! Lo sai che ti sono leale, lo sai… non lo farei mai, giuro…»

«Con chi hai parlato, dimmi!»

«Con nessuno… io…»

«Dimmelo!» ormai non ragiono più, lo sto quasi strangolando.

Lui diventa tutto rosso in viso e cerca di parlare, ma la mia forte stretta glielo impedisce.

«Salvo…» la voce di Leo mi arriva da dietro, quasi attutita. «Salvo, lascialo. Non parlerà mai, così.»

So che ha ragione, quindi allento la presa e lo faccio respirare. Tossisce più volte, poi mi guarda dritto negli occhi.

«Salvo…sai che io non potrei mai. Hai tenuto mia figlia a battesimo, non potrei mai tradirti…»

«A chi hai detto che eravamo qui stasera?»

«Ho… incontrato tua sorella, al mercato… mi ha visto comprare il branzino, sa che è il tuo preferito…mi ha fatto domande. Io non ho detto nulla, ma lei ha capito che era per te. Ha fatto un sorriso strano…»

Non lo lascio nemmeno finire di parlare, mi precipito fuori insieme ai miei uomini.

Schizzo_di_sangue_su_sfondo_trasparente

Miami

-Elena-

Osservo il tramonto dalla veranda, rannicchiata su una sedia in legno.

Dall’interno della casa mi arrivano le note di “Love is a loosing game” di Amy Winehouse, che mi toccano il cuore e mi riempiono di una tristezza infinita.

Osservo le poche persone che passeggiano sulla spiaggia, tutto sembra invaso da una calma quasi irreale.

Un rumore alle mie spalle attira la mia attenzione, mi volto appena e vedo Adam con due bottigliette di birra in mano. Si siede nella poltrona accanto alla mia e me ne porge una.

Accetto di buon grado, facciamo tintinnare i due colli in vetro e ne beviamo subito un sorso.

È leggera e fresca, ci voleva.

Dopo alcuni minuti di silenzio è lui a parlare per primo.

«Allora, Elena. Come stai?»

«Mah… non saprei dirti con sincerità.» sollevo le spalle e lo guardo mesta.

Lui si appoggia con i gomiti alle ginocchia e guarda verso il mare, assorto.

«Capisco come ti senti, credimi.»

Le sue parole mi stupiscono. So che è un collega di Michelle, ma non mi ha detto di cosa si occupa.

«Davvero?»

«Prima di conoscere Amelia ho lavorato come infiltrato molto spesso. Sai, io non avevo una famiglia. Da ragazzo sono stato in carcere, ho rischiato di finire in brutte acque. Poi ho incontrato una dottoressa, lei e suo marito mi hanno adottato e si sono presi cura di me.» si ferma un attimo, girandosi la bottiglietta di birra tra le mani. Nei suoi occhi noto per un momento un velo di tristezza.

Mi stringo le ginocchia al petto, bevo un sorso e resto in attesa che lui prosegua.

«Mi hanno recuperato, in pieno. Mi sono arruolato in marina e sono poi successivamente entrato nei corpi speciali. Da lì all’FBI la strada è risultata più breve di quanto pensassi.» si volta a guardarmi «Ma nonostante tutto, non riuscivo a trovare la mia collocazione nel mondo.»

Gli sorrido. Provo un’immediata empatia per questo ragazzo.

«Amelia me l’ha data. Mi ha fatto capire chi volevo essere, cosa volevo fare nella vita. Ho smesso di fare l’infiltrato, ora sono nel settore narcotici. Ho avuto a che fare con la droga, da ragazzo, e non voglio che accada ad altri.»

Annuisco con la testa.

«Ti ammiro moltissimo, Adam. Hai capito cosa volevi e l’hai ottenuto.»

«Tu cosa vuoi, Elena?»

Io voglio Salvo, purtroppo.

Mi mordo il labbro per non rispondere.

«Michelle mi ha raccontato tutto. Io l’ho conosciuto, sai?»

Sgrano gli occhi, stupita. Ma che diavolo succede, qui? Mafiosi amici di agenti FBI e viceversa…mi sembra una cosa dell’altro mondo.

«Hai conosciuto… Salvo?» il suo nome mi esce dalle labbra come se fosse fuoco.

Adam si accorge della mia reazione e non può trattenere un sorriso divertito.

«Sì, l’ho conosciuto, e vederti con quell’espressione sul viso mi fa dispiacere di non avergli chiesto un autografo, allora.»

Scoppiamo a ridere entrambi, sdrammatizzando la tensione.

«Vedo che ti ha colpito, Elena.»

«Colpito… non solo. Ma vedi, Adam… è un criminale, io non posso…»

«Lui non è un criminale, Elena. È un mafioso. Il suo è uno stile di vita, una scelta che ha fatto. Questo suo stato non cambierà mai.»

«Perché mi dici questo?»

«Perché se tu decidessi di provare ad avere una vita con lui…dovrai fare i conti con questo. Per come lo conosco, lui non si pentirà. MAI.»

«Provare? Figurati…non so nemmeno dove sia, Adam.» deglutisco «Non so nemmeno se sia vivo.»

Lui ride di gusto.

«È vivo, credimi. Se Salvatore Rizzo dovesse lasciare questo mondo credo che un secondo dopo la notizia sarebbe su tutti i giornali. Chiunque riuscisse a spodestarlo vorrebbe godersi sicuramente la notorietà.»

«Non so nemmeno se lo rivedrò ancora.»

«Non so dirti se lo rivedrai. Ma posso dirti quello che io so di lui.» si volta a guardarmi «E’ un uomo molto forte, ma questo credo che tu lo sappia già. È legato alla sua famiglia, in modo molto profondo. Non credo la abbandonerà mai. È cresciuto con un ben definito stile di vita, è un uomo d’onore, Elena.»

«Ha fatto ammazzare i miei genitori.»

«Lo so.» si schiarisce la voce «La loro è una guerra, se non ne fai parte non puoi comprendere appieno il loro pensiero. Con questo, credimi…non lo voglio giustificare. Ma lui ci ha aiutato più volte, ha salvato la vita a molti di noi.»

«Questo non lo sapevo.»

«Già, pochi lo sanno. Nemmeno Michelle conosce tutti i particolari. È capitato un paio di volte che io e lui abbiamo avuto a che fare senza che lei lo sapesse.»

«Ah.» non riesco a dire altro, come inebetita.

«Sei proprio sicura che sia stato lui a uccidere i tuoi genitori?»

«Sì, io…»

Lui fa un sorriso.

«Fossi in te me ne accerterei, Elena.»

Annuisco, pensando a chi della sua famiglia potrebbe aver fatto ricadere la colpa su di lui.

Beh, ho l’imbarazzo della scelta.

«Adam, mi dicevi della sua famiglia…»

«Sì, Salvo è molto legato a suo fratello e a sua sorella.»

«Beh, lo sarà meno, ora. Sta per scatenarsi una guerra per il potere nella famiglia Rizzo e so per certo che né Bianca né Antonino sono con lui.»

Lui corruga la fronte, poi stringe le mascelle.

«Accidenti… sei sicura?»

«Sicurissima.»

«Beh, allora presto avremo notizie dal tuo Salvo.»

«Perché?»

«La sua furia la sentiremo fino a qui, te lo posso assicurare.»

 

FINE 13°CAPITOLO

 

– ARRIVEDERCI A VENERDI’ PROSSIMO – 

Questo racconto inedito a puntate è un opera di fantasia scritta in esclusiva per Stella e pubblicato per gentile concessione dell’autrice solo sul sito Free Passion.

© Riproduzione riservata. Proprietà intellettuale dell’autrice Samy. Vietata la riproduzione di questi contenuti o parte di essi.

 

15 Comments on Nuovo racconto inedito – “Ti Troverò” – #3 Life Secrets Series By Samy – 13° Capitolo

  1. Claudia
    giugno 3, 2016 at 11:21 am (4 anni ago)

    Capitolo di passaggio… Aspetterò buona buona :)

    Rispondi
    • Samy
      giugno 3, 2016 at 11:42 am (4 anni ago)

      Mmmmhhhhh….una sparatoria è un “capitolo di passaggio”.
      Però.
      :D
      A venerdì!!!!!!
      P.S.: Mi fai morire ❤

      Rispondi
  2. manu85
    giugno 3, 2016 at 11:24 am (4 anni ago)

    Non potete farlo finire così siete propio perfido hihhi..cmq lo sapevo che sarebbe ritornato il nostro Adam e un rientro molto gradito e anche Amelia ( ma il loro bimbo visto che era incinta alla fine del secondo).
    mi piace sempre di più Salvo ragazze mie e no vorrei mai essere i suoi fratelli se come dice Adam La sua furia la sentiremo fino a qui….anche x me non è stato lui ad uccidere i genitori di Elena.
    complimenti Samy bacioni

    P.s cmq il sugo me lo sono propio mangiato con gusto e goduto appieno hihhhh

    Rispondi
    • Samy
      giugno 3, 2016 at 11:45 am (4 anni ago)

      Grazie, Manu! ❤❤
      …il bimbo di Amelia… Alla fine di “Fidati di me” se ne parla, ma in realtà è passato un anno…
      Qui non è ancora trascorso, il tempo… ;)
      Sono felicissima ti sia piaciuto, e sì, nemmeno io vorrei essere nei panni di Ninu e Bianca…
      Vedremo che succederà…
      P.S.: Ah, questo sugo… Hihihihihi
      Un abbraccio, a venerdì!!!

      Rispondi
  3. Letizia arcieri
    giugno 3, 2016 at 11:35 am (4 anni ago)

    Domanda domanda domanda… Ma Amelia l’ultima volta che la abbiano vista (cioè al suo matrimonio) era in dolce attesa…. E ora??

    Rispondi
    • Samy
      giugno 3, 2016 at 11:46 am (4 anni ago)

      Alla fine era in dolce attesa, ma era trascorso un anno, Leti.
      Lo so che volete sapere, lo so…. Ingorde!!! ❤❤
      Bacio, a prestooooo

      Rispondi
  4. Renèe
    giugno 3, 2016 at 11:46 am (4 anni ago)

    E niente… io torno a guardare la pubblicità del sugo!!!!! AHHHHH…..
    Capitolo che mi ha fatto tremare, ma anche sperare….
    Io aspetto (con ansia) di vedere scatenata la sua rabbia !!!!!
    Non vedo l’ora sia venerdì prossimo!
    Grazie Samy, ci doni sempre delle storie fantastiche!!! Un abbraccio

    Rispondi
    • Samy
      giugno 3, 2016 at 11:52 am (4 anni ago)

      Grazie a te di cuore, Renèe.. ❤
      Sperare…
      Sperare…
      Certo la cosa non è facile…
      Un bacio, a venerdì!!!!

      Rispondi
  5. Valentina
    giugno 3, 2016 at 12:05 pm (4 anni ago)

    Oh oh oh Samy, qui abbiamo un gradito ritorno e un capitolo che preannuncia una tempesta il prossimo venerdì…
    Mi piace sempre come descrivi le sensazioni e i sentimenti dei protagonisti, sai come coinvolgermi.
    Un abbraccio

    Rispondi
  6. Veronica80
    giugno 3, 2016 at 12:41 pm (4 anni ago)

    Un capitolo di passaggio per la nostra coppia e delucidante per quanto riguarda le trame di potere e il contesto criminale tipico dei mafiosi :(
    Aspetto con ansia che sì rincontrino… Oltreoceano;)

    Rispondi
  7. rosig
    giugno 3, 2016 at 1:32 pm (4 anni ago)

    E adesso mi tocca aspettare un’altra settimana …. che ansia !!!!! cosa accadrà …… Bravissima !!!! a venerdì mia cara Samy Smackkkkkk

    Rispondi
  8. Federica
    giugno 3, 2016 at 2:51 pm (4 anni ago)

    Evvaiii *-* lo sapevo sarebbero andati da Adam e Amelia *-* loro sempre carinissimi e dolcissimi..
    Bellissimo il confronto fra Elena e Adam.. hanno dato alla nostra protagonista (e a noi) una nuova prospettiva per il nostro cucciolo..
    Aspettiamo con ansia il prossimo venerdì!! Noi qui siamo tutte pronte a combattere al fianco di salvo, col coltello fra i denti! :D

    Rispondi
  9. Virna
    giugno 3, 2016 at 3:29 pm (4 anni ago)

    Che bello ritrovare i due piccioncini !!
    Saperli felici e spensierati al mare
    Ma non vedo l ora di rivedere Elena e Salvo l una di fronte all altro
    In ansia per venerdi prossimo….perché ho come l impressione che si “scatenerà l’inferno”

    Rispondi
  10. Helene
    giugno 4, 2016 at 4:25 pm (4 anni ago)

    …chi si rivede!!!! Adam e i suoi tatuaggi!!!!…chi se lo dimentica? Molto bella la scena del confronto tra lui ed Elena così come azzeccatissima la song di Amy! Però l’amore non è un gioco in cui si perde sempre vero Samy!!!??? Non vedo l’ora che i nostri due eroi possano rincontrarsi, ci aspettano i fuochi d’artificio!!!!
    Bacioni

    Rispondi
  11. Irina
    giugno 4, 2016 at 9:09 pm (4 anni ago)

    Sono troppo felice di rivedere Adam e Amelia, mi sono mancati! Però in questo capitolo hanno sparato a Salvo e non va bene, qualcuno si merita di fare una bruttissima fine!

    Rispondi

Leave a reply to Valentina Cancel reply