Le Coccole della Domenica – Caramello salato al “Batticuore”

Se mi sono cimentata in questa ricetta la colpa è sola sua, sempre sua. O quasi.

Tutto è iniziato quando, circa un anno fa, dopo l’uscita di un suo romanzo mi sono ritrovata a leggere un racconto, uno spin-off collegato alla sua serie dove “acquolina in bocca” era la parola d’ordine, sia per i personaggi affascinanti, sia per le ricette che, durante la lettura, ti sembrava di gustare sul palato.

Quindi mi sono ritrovata a tartassarla per avere la ricetta di quella peccaminosa golosità che non mi dava pace: dovevo provarla.

Salvo poi, che lei mi ha confessato di essere una schiappa nei dolci, di esserselo inventata di sana pianta e di non avere la più pallida idea su come si poteva realizzare.

Ma io non sono una che si arrende, cascasse il mondo, se mi fisso su una cosa non trovo pace sino a quando non l’ho realizzata.

Se siete delle curiosone e non sapete resistere ai link, proprio come la sottoscritta, avrete già scoperto che la lei in questione è Velonero – alias Raffaella V.Poggi – e il racconto è “Un Nuovo Batticuore”, che trovate disponibile in forma gratuita QUI, ospite del sito “Insaziabili Letture.” In caso, vi ho facilitato il compito, You are Welcome 

La ricetta che mi aveva tolto il sonno era il “soufflè con cuore al caramello salato”,  cosa che, per esperienza, non sarei mai riuscita a ripetere. Non sono proprio una ciofeca in cucina, diciamo che me la cavo, ma le cose complicate, da maestri, le lascio a chi ha più talento di me, ad ognuno il suo. Loro sono bravi, io son matta, vincono tutti. Ho provato una volta, per far felice la mia metà, a fare un soufflè al formaggio ed è uscita fuori una specie di sottiletta molliccia, pure la pattumiera si era ribellata in quella occasione, però, ho pensato, magari il caramello mi riesce e così, complice la mia totale ingenuità di principiante, ho dato una spolverata a vecchie ricette e mi sono buttata. Non di testa, quella l’avrei sbattuta volentieri dopo contro un muro, quando mi sono resa conto di come stava conciato il piano cottura, ma se avventura doveva essere, tanto valeva viverla fino in fondo.

Perché c’è una cosa che vorrei fosse ben chiara: tra impegni vari e progetti in corso io assomiglio più a una casalinga disperata, con casa in cui sembra sempre sia esplosa una bomba. Dimenticativi delle belle foto alla Pinterest piene di luce e gioia di vivere, non è il mio caso.

Ho realizzato questa golosità due volte, la prima ad ottobre e la seconda in occasione delle feste Natalizie, ma ho pensato fosse appropriato condividerla con voi in questi giorni per omaggiare l’uscita nella giornata di ieri – 18 febbraio – del nuovo romanzo di Raffaella, il secondo della serie “Taste of New York”- Wedding Girl – , e visto che anche la famiglia Taste al gran completo è stata in giro a fare promozione nei giorni scorsi questa ricetta, che nasce con loro, capita proprio a fagiolo.

Io non ho il talento di Phil e Jenny Taste, cuochi e proprietari dell’omonimo ristorante più rinomato della Grande Mela – c’è una lista d’attesa di mesi per riservare un tavolo e cenare da loro -, ma farò del mio meglio, quindi, via con gli ingredienti.

16838113_960147000788484_828277806_n

INGREDIENTI

-50 Grammi di burro morbido

-150 Grammi di zucchero

-250 Grammi di panna fresca

-un cucchiaino di sale

Taste of New york - Velonero - Raffaella V. Poggi

PROCEDIMENTO

In una ciotola amalgamate il burro morbido con il cucchiaino di sale e tenete da parte.

In un tegamino mettete lo zucchero, io ne ho usato uno in alluminio, e mandatelo a fuoco lento, mentre in un altro scaldate la panna, ma SENZA PORTARLA A BOLLORE.

Chi ne sa a pacchi sostiene che il caramello non vada MAI mischiato, ma io che non sono molto disciplinata ammetto di aver dato danno con il cucchiaio di legno ogni tanto.

Quando lo zucchero avrà iniziato a caramellare, assumendo il suo colore brunito, significa che è arrivato il momento di unire a filo la panna.

Gli esperti lo fanno sembrare facile, come bere un bicchiere d’acqua, ma credetemi sulla parola, è un passaggio moltoooooo delicato, tanto che ho temuto di dover buttare il tegame così come stava, schizzi ovunque e attimi di panico a go go, quindi occhio, fate attenzione, non vi voglio sulla coscienza.

A questo punto, uniti i due composti, dovrete mischiare come se non ci fosse un domani, come se da questo dipendesse la vostra vita, sino a quando non otterrete una bella cremina densa, dopodiché, sarete pronti per aggiungere il burro salato di cui vi parlavo dieci righe più su.

E voilà…il gioco è fatto!

Si fa per dire.

Versatelo in un barattolo di vetro, fatelo raffreddare a temperatura ambiente e poi conservate in frigo.

Potete usare il caramello per la preparazione di altri dolci, io l’ho impiegato in una crostata di frutta secca e come ripieno per dei muffin non proprio riuscitissimi, devo riprovare, ma magari voi siete più brave di me e comunque è buonissimo anche spalmato su una fetta di pane integrale tostata, per una colazione da campioni.

Poi magari, mentre ve la gustate e vi leccate i baffi, potete leggere una delle storie di Raffaella per vivere ancora più appieno tra le sue pagine.

Mi rendo conto che, così come l’ho raccontato, sembra complicato, ma se ci sono riuscita io, può riuscirci chiunque. Al limite, Raffaella vi manda Phil a casa per una lezione veloce, basta prendere il numerino. Ma vedete di comportarvi come si deve con lui, perché Jenny è molto brava con i coltelli, soprattutto con il lancio. Donna avvisata…

ALTRE STORIE DI RAFFAELLA DELLA SERIE “TASTE OF NEW YORK”,

BASTA IL SOLITO CLIC E PASSA LA PAURA 

 

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Questa rubrica è Realizzata con la collaborazione del pazzo team, se anche tu vuoi far parte della squadra “magre domani” e vuoi condividere insieme a noi le tue ricette e furbate culinarie manda una email all’indirizzo di posta elettronica stella@freepassion.it kiss

P.S. Se fate merenda con FreePassion, taggateci sui social, oppure usate l’hastang #lecoccoledelladomenica   wink

firma stella

 

7 Comments on Le Coccole della Domenica – Caramello salato al “Batticuore”

  1. velonero
    febbraio 19, 2017 at 3:32 pm (3 anni ago)

    Sto ridendo da dieci minuti

    Rispondi
    • Stella
      febbraio 19, 2017 at 3:45 pm (3 anni ago)

      Tanto per ricordarti che la mia follia e curiosità non ha confini :-D
      Mi fisso su delle robe… solo io

      Rispondi
  2. Angela D'Angelo
    febbraio 19, 2017 at 4:05 pm (3 anni ago)

    Magnifico! Ora ci provo, cercando di evitare gli schizzi (e i coltelli di Jenny ;P )

    Rispondi
    • Stella
      febbraio 19, 2017 at 4:45 pm (3 anni ago)

      Angela, poi fammi sapere se l’esperimento è riuscito.

      Rispondi
  3. Irina
    febbraio 19, 2017 at 4:42 pm (3 anni ago)

    Noooo, io sono a dieta! Uff! Vi sto odiando :D

    Rispondi
    • Stella
      febbraio 19, 2017 at 4:46 pm (3 anni ago)

      Finirà sta dieta prima o poi, no?!

      Rispondi
  4. Rosy ♥
    febbraio 20, 2017 at 12:04 am (3 anni ago)

    Mamma mia me lo sto già gustando ♡.♡

    Rispondi

Leave a Reply